Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito stesso.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Corso di formazione sul fenomeno della Violenza nei confronti delle donne

Corso di formazione sul fenomeno della Violenza

nei confronti delle donne                                         
Sede: Locali del Comune di Fiumicino
Giorno di formazione: venerdì dalle 9,30 alle 18 nei giorni: 4 marzo,11 marzo, 18 marzo;  1 aprile, 8 aprile,2016
Programma formativo  di 40 ore totali
1° incontro 4 marzo –origini e caratteristiche del problema  
Francesco Montecchi-
9,30- 13,30
-Saluti delle autorità
-presentazioni , introduzione al corso e finalità
-La catena trans- generazionale  della violenza di genere: dal bambino abusato all’adulto violento o vittima.
- Come la violenza domestica si sviluppo nelle fasi e crisi del ciclo vitale della famiglia e nelle  fasi e crisi evolutive del bambino
- Prevenire e Interrompere la catena della violenza :
13.30– 14.00 pausa pranzo
Catia Bufacchi
14.00-18
- Definizione dell ’ONU e L’U.E.  e i diversi TIPI DI VIOLENZA sulla donna .  Definizioni di  maltrattamento fisico, economico, psicologico, violenza sessuale, stalking sulla donna e violenza  domestica , violenza assistita sui minori.
- Conoscere il problema per ri- conoscerlo ed intervenire . La violenza contro le donne: caratteristiche e stereotipi. Gli uomini violenti, le donne abusate, i bambini che assistono : quali relazioni?
-presentazione di  situazioni-tipo nel lavoro dei professionisti
- domande e discussione di gruppo
- conclusione.
2° incontro: 11 marzo leggi e la tutela   
avv. Maria Giovanna Ruo
9.30-13.30
-Cosa prevedono le  leggi sul maltrattamento intra familiare
- Normativa sulla violenza  fisica  sessuale e psicologica sulla donna
- Normativa  sullo stalking
-Modalità di tutela delle donne e dei minori
13.30– 14.00 pausa pranzo
Catia Bufacchi
14.00- 18.00
-Riflessioni sulla necessità di tutela  nel mondo esterno e dal proprio mondo interno
– principi per sviluppare un linguaggio comune tra diversi professionisti
- presentazione di situazioni di lavoro e  esercitazioni in aula  
-domande e discussione di gruppo
-conclusione.


3° incontro : 18 marzo  elementi per  il riconoscimento
Catia Bufacchi
9.30-13.30
- Indicatori di rischio  delle situazioni di violenza sulla donna e violenza  domestica
-Le caratteristiche dell’uomo abusante
-Caratteristiche della donna vittima
-Le caratteristiche del minore vittima di violenza assistita e la relazione con madre abusata e padre/ compagno  abusante.
13.30- 14.00–pausa pranzo
Catia Bufacchi
14.00- 18.00
 Le caratteristiche della relazione vittima-carnefice  e le possibili dinamiche e conseguenze psicologiche, sociali, educative e nell’ intervento
- sintomi fisici,  psicologici, comportamentali e sociali  delle donne vittima di violenza
- sintomi fisici,  psicologici, comportamentali e sociali  dei minori nella situazione di violenza domestica.
presentazione di situazioni di lavoro e discussione di gruppo.
conclusione.
4° incontro : 1 aprile  – il lavoro dei professionisti
Catia Bufacchi
9,30–13.30
Il lavoro di rete: modalità di  presa in carico  nei casi di  violenza sulla donna e violenza assistita da parte dei bambini
- Il ruolo  e i compiti dei diversi servizi coinvolti e il lavoro di integrazione: principi dell’operatività e del lavoro efficace
-presentazione di situazioni di lavoro, discussione di gruppo
13.30- 14.00– pausa pranzo
Montecchi-
14.00-
-Aspetti psicologici e operativi  nella gestione dei casi di violenza: come le emozioni  dei professionisti incidono sull’operatività
- La gestione delle emozioni dell’operatore  nei casi di violenza di genere o domestica: strumenti di  aiuto per il professionista
-esercitazioni in aula su  come le emozioni incidono sull’operatività.
-presentazioni di casi e situazioni di lavoro
- discussione di gruppo
- conclusione
5° incontro: 8 aprile l’intervento e gli strumenti operativi  
Catia Bufacchi -
9.30- 14.00
-principi per l’intervento efficace, fattori di rischio di fallimento dell’intervento.
- Strumenti per il riconoscimento dei casi di violenza sulle donne  e sui bambini “falsi positivi”: come evitare la possibile  strumentalizzazione di professionisti ed istituzioni .
- strumenti operativi per la condivisione e la gestione multiprofessionale dei casi
discussione  sui percorsi operativi per la presa in carico e la gestione dei casi
14.00– 14.30 pausa pranzo
Catia Bufacchi- Francesco Montecchi-
14.30- 18.30
-Presentazione e indicazioni per il lavoro in aula
- Lavoro in aula per la costruzione di un linguaggio comune tra professionisti  di diverse aree , proposta  di strumenti operativi . Lavoro in piccoli gruppi interprofessionali con produzione di report finale .
- presentazione dei lavori dei sottogruppi e discussione
Chiusura del Corso.

RELATORI
Francesco Montecchi , socio fondatore e Presidente della Onlus “ la Cura del Girasole” , Specialista in Neurologia e Psichiatria, Neuropsichiatria infantile e Criminologia Clinica . Già primario di Neuropsichiatria infantile dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma e professore a c. c/o Univ. La Sapienza e Tor Vergata. Analista junghiano, didatta nelle scuole di psicoterapia dell’AIPA (Ass.It.di Psicologia Analitica) dell’AISPT (Ass. Ital. Sand play therapy), dell’ ITRI (Ist.Terapie Relazionali Integrate),della COIRAG (Confederazione it.terapie di gruppo) Membro dell’Inter.Ass.for Analitical Psycology (IAAP)e della Inter.Soc.for Sand Play Therapy(ISST) .
Catia Bufacchi , socio fondatore e Vice residente della Onlus “ La Cura del Girasole” direttrice del Centro Clinico gestito dalla Onlus . Psicologa, psicoterapeuta, analista junghiana. Dal 1999 al 2007 nell’Ospedale Bambino Gesù di Roma ha progettato e coordinato le attività dei Progetti Girasole 1 e 2 , ha progettato , coordinato e svolto attività didattica in numerosi programmi di formazione per Comune di Roma, Regione Lazio, Provincia di Roma. Già direttrice del Centro Antiviolenza delle donne di Rieti.
Maria Giovanna Ruo , Presidente dell’Associazione Camera Minorile in CamMiNo - Camera Minorile Nazionale dal2004, Co-promotrice e componente della Commissione famiglia della Scuola Superiore dell’Avvocatura-Fondazione del Consiglio Nazionale forense.

Responsabile del Corso : Francesco Montecchi,
Coordinamento e organizzazione: Catia Bufacchi
                                                                                                    
   

logo lacuradelgirasole

E’ una associazione senza scopo di lucro impegnata nella cura del disagio emotivo infanto – adolescenziale, dell’ adulto e della famiglia.

Contatti

Inviaci una mail a: segreteria@lacuradelgirasole.it

  +39 06 63 81 992
Consulenza telefonica +39 06 39 38 66 472

   via Gregorio VII, 186